Descrizione del prospetto ESIS. Preventivi di mutuo in base al Codice di Condotta Europeo per i Mutui Casa.

CAPIRE I MUTUI

Scopri il risparmio Tele Mutuo

Calcola
Preventivo
Richiedi
Tele Mutuo

Preventivi di mutuo

Com'è fatto il prospetto ESIS
(European Standardised Information Sheet)

Nel 1997 la Commissione Europea ha deciso di introdurre una disciplina relativa ai mutui casa. Ne è scaturito il Codice di Condotta Europeo per i Mutui Casa.

L'adesione al Codice resta una decisione volontaria di ciascuna banca, ma quasi tutte quelle italiane lo hanno sottoscritto.

Una conseguenza sono i preventivi di mutuo nel formato ESIS (Prospetto informativo europeo standardizzato), che permettono di paragonare con facilità le offerte di diverse banche, accomunate da una modalità di presentazione unificata.

Il prospetto si articola in 15 punti. Li indichiamo di seguito evidenziando le voci di maggior rilievo.

    1. Istituto di credito che eroga il mutuo.
    2. Descrizione del tipo di finanziamento. Indica la formula contrattuale e la percentuale massima di finanziabilità rispetto all'immobile da ipotecare.
    3. Tasso nominale d'interesse. Se il tasso è variabile precisa pure le modalità di variazione ed eventuali tetti massimi e minimi. In caso di utilizzo del tasso di ingresso specifica la durata del periodo in cui rimane bloccato.
    4. Tasso annuo effettivo globale (TAEG).
    5. Importo del mutuo richiesto.
    6. Durata del contratto.
    7. Numero e frequenza dei pagamenti.
    8. Importo della rata. Per i mutui a tasso variabile viene calcolata appropriatamente con il tasso a regime.
    9. Questo punto è utilizzato per mutui particolari, poco diffusi da noi, con rimborso del capitale tramite piano di accumulo collegato ad una polizza. In tali casi specifica l'ammontare di ciascun pagamento rispettivamente per gli interessi e per l'accumulo.
    10. Spese di apertura del mutuo. Viene indicato l'ammontare dei costi della pratica di mutuo e, con riferimento alle attività collegate a tali spese, se è obbligatorio avvalersi dei servizi provveduti dalla banca.
    11. Spese accessorie ricorrenti. Sono i costi da sostenere periodicamente durante la vita del mutuo. Comprendono per esempio i costi per l'assicurazione incendio o l'incasso della rata.
    12. Condizioni per l'estinzione anticipata. Specifica le condizioni e le penali in caso di restituzione anticipata del mutuo.
    13. Ufficio Reclami. Ovvero i recapiti a cui rivolgersi in caso di problemi collegati all'applicazione del Codice.
    14. Piano di ammortamento. Deve essere allegato al prospetto ESIS.
    15. Obblighi di domiciliazione. Cioè se è obbligatorio avere un conto corrente presso la banca mutuante e se è richiesto di farvi affluire lo stipendio.


Argomenti correlati:




Tele Mutuo - Risparmiamo i tuoi soldi.

I testi di questa pagina sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore e non possono essere riprodotti senza autorizzazione. Deposito affidato a SIAE (Società Italiana Autori ed Editori). Vedi copyright.





Sede legale: Piazza della Repubblica, 10 – 20121 Milano - P.IVA 05093900156 - Sede operativa: Viale Filippo Meda, 11 -20017 Rho (Mi)