Grado Iscrizione Ipoteca Mutui

L'importanza del grado di iscrizione dell'ipoteca

Ipoteche a garanzia del mutuo

Poiché lo stesso immobile potrebbe essere colpito da più ipoteche, è necessario stabilire un ordine di priorità per la soddisfazione dei diritti vantati dai rispettivi creditori.

La prevalenza di un'ipoteca rispetto ad un'altra viene classificata con il "grado di iscrizione". Così si osserveranno ipoteche di primo grado, di secondo grado, di terzo... e così via.

Il principio adottato per la definizione del grado dipende semplicemente dal momento dell'iscrizione. La data che fa testo è infatti quella in cui la richiesta viene presentata al Conservatore dei registri (ipoteche immobiliari), mediante la cosiddetta "Nota di iscrizione".

La questione è estremamente rilevante perché il creditore di grado successivo potrà utilizzare il ricavato della vendita del bene solo dopo che i creditori di grado anteriore saranno stati interamente soddisfatti.

Un'altra importante questione collegata al grado ha relazione con la disciplina sul credito fondiario, perché ad essa ci si può appellare esclusivamente nel caso di mutui garantiti da ipoteche iscritte in primo grado.


NOTA: Ai creditori è riconosciuta la facoltà di scambiarsi il grado. Così il creditore di grado anteriore potrà scegliere di arretrare e favorire i successivi.


Poiché i tempi di formale cancellazione delle ipoteche sono molto lunghi, nella pratica viene effettuata una distinzione tra grado reale ed apparente.

Per apparente si intende il grado dell'iscrizione come risulta dai registri.


ESEMPIO: Un'iscrizione in secondo grado quando l'ipoteca gravante in primo grado è già stata assentita di cancellazione sarà definita come in "primo grado reale e secondo apparente".


Argomenti correlati:

I testi di questa pagina sono protetti dalle leggi sul diritto d'autore e non possono essere riprodotti senza autorizzazione. Deposito affidato a SIAE (Società Italiana Autori ed Editori). Vedi copyright.