Mutuo Cointestato: come funziona, requisiti, pro e contro | Telemutuo.it

Mutuo Cointestato: come funziona, requisiti, pro e contro

Cos’è un mutuo cointestato? Perché sceglierlo per l’acquisto di una casa? Quali sono i suoi vantaggi e svantaggi? Cosa accade al mutuo cointestato nel caso di separazione fra due coniugi e quali soluzioni è possibile scegliere? Quali documenti è necessario avere per l’apertura di un mutuo cointestato? Troverai la risposta a queste ed altre domande all’interno di questo articolo.

Se stai pensando di acquistare una casa, potresti aver preso in considerazione l'idea di realizzare il grande passo con la tua o il tuo partner. Un mutuo cointestato è un'ottima opzione per le coppie che hanno deciso di sposarsi, ma anche per quelle persone che vogliono creare un’attività insieme.

Tuttavia, anche se il processo può sembrare semplice, ci sono molte cose che dovresti considerare prima di richiedere un mutuo cointestato. Vediamo quali.

Cos'è un mutuo cointestato?

Si parla di mutuo cointestato, quando il finanziamento erogato dall’istituto di credito, viene attribuito a due o più debitori. Questi, durante l’atto della sottoscrizione, si assumono l’onere di rimborsare la cifra pattuita con la banca fino a quando il debito non sarà completamente estinto.

Generalmente un finanziamento di questo tipo, a medio-lungo termine, dura dai 5 ai 30 anni.Chi sceglie questo tipo di soluzione per l’acquisto di una casa, solitamente sono le giovani coppie che decidono di andare a convivere dopo il matrimonio.

In questi casi, per agevolare la coppia e per avere maggiori garanzie, può capitare che la banca richieda il coinvolgimento di uno o più genitori nell’intestazione del mutuo. Di fatti, più cointestatari ci sono, maggiori garanzie si offrono alla banca e più la banca stessa sarà maggiormente tutelata e sarà quindi disposta ad erogare il mutuo.

Quali sono i vantaggi?

I vantaggi di un mutuo cointestato non riguardano solo gli istituti di credito (maggiori garanzie), bensì anche i debitori, per tre principali ragioni:

  1. La prima sta nel poter chiedere alla banca una cifra maggiore rispetto a quella che si può ottenere con un unico stipendio;
  2. La seconda ragione sta nel fatto che ogni debitore dovrà pagare solo una parte della rata pattuita, proprio in quanto suddivisa per i diversi cointestatari del mutuo. Ciò fa sì che vi sia un minor sforzo economico da parte di ognuno dei contraenti.
  3. In terzo luogo, attraverso il mutuo cointestato, vi è la possibilità di detrarre il 19% degli interessi passivi, pagati ognuno per la quota di pertinenza. In tal caso, la detrazione può raggiungere un massimo di 4mila euro.

Per maggiori approfondimenti riguardo questi aspetti è possibile consultare la circolare n°20 del 2011 dell’Agenzia delle Entrate.Veniamo ora a quelli che possono essere considerati svantaggi qualora, ad esempio, nella coppia nascano turbolenze che conducono ad una separazione. 

Quali sono gli svantaggi?

Purtroppo, durante il periodo di sottoscrizione del mutuo, può capitare che i due contraenti decidono di rompere il loro rapporto di amicizia o di amore.In tal caso, possono svilupparsi due strade possibili.

La prima: i due contraenti, pur essendosi separati, decidono di continuare comunque a versare le rate e ciò, naturalmente, nulla cambia in termini di mutuo e detrazioni.

La seconda: uno dei due mutuatari non riesce più a versare la quota della rata che gli/le spetta, mettendo ovviamente in difficoltà anche l’altro contraente. Trattasi in tal caso di insolvenza.

A quel punto, la banca o il relativo istituto di credito, trattandosi di un mutuo cointestato, potrà rivalersi sull’altro o sugli altri debitori, richiedendo l’intera somma dovuta e non soltanto la quota spettante. 

Quali sono i documenti da presentare per l'apertura di un mutuo cointestato

Se dopo quanto detto, sei interessato/a ad aprire un mutuo cointestato, di seguito ti indichiamo tutta la documentazione che è necessario presentare:

Documenti a dimostrazione del redditoper lavoratori autonomi:

  • copia della dichiarazione dei redditi; 
  • bilancio di esercizio;
  • estratto della camera di commercio industria ed artigianato;
  • eventuale iscrizione all'albo di appartenenza.

Documenti a dimostrazione del reddito per lavoratori dipendenti:

  • Contratto di assunzione che attesti l’anzianità di servizio;
  • ultime tre buste paga;
  • copia del CUD o del modello 730.

Documenti personali:

  • Certificato di nascita;
  • certificato di stato libero, estratto di matrimonio o sentenza di separazione o divorzio;
  • stato di famiglia.

Se hai bisogno di assistenza nella scelta di un mutuo, puoi usufruire della consulenza degli esperti Telemutuo in qualsiasi momento. 

Confronta i migliori Mutui