Mutuo Liquidità

Hai già una tua casa e lo sguardo ora si rivolge a nuovi progetti di vita: vorresti realizzarli, ma non hai la liquidità necessaria? Per te la strada ideale da percorrere è quella del mutuo liquidità.


Indice della pagina:

1. Che cos’è e come funziona il mutuo per liquidità

2. Quanto costa un mutuo per liquidità

3. Mutuo per liquidità o prestito personale?

4. Chi può richiedere il mutuo per liquidità: requisiti

Che cos’è e come funziona il mutuo per liquidità


Il mutuo liquidità è un finanziamento destinato a chi ha necessità di un prestito molto consistente. Per ottenerlo bisogna essere proprietari al 100% di un immobile (di solito la prima casa) che non sia gravato da nessuna ipoteca: esso sarà ipotecato e offerto come garanzia alla banca.

Il funzionamento del mutuo liquidità è simile a quello del mutuo casa tradizionale: la fase di rimborso prevede il pagamento di rate solitamente mensili, composte da una quota capitale e da una quota interessi. 

Al termine del piano di restituzione del denaro, il cliente libererà l’abitazione messa a garanzia del finanziamento tramite ipoteca. 


Quanto costa un mutuo per liquidità

>Per capire quanto costa, e quindi quando conviene contrarre un mutuo liquidità, si può fare il confronto con il prestito personale. 

Se con il mutuo liquidità i tassi possono essere leggermente più alti (fino a un punto percentuale) rispetto al mutuo casa tradizionale, essi sono nettamente più convenienti rispetto a quelli applicati nel caso di un prestito personale, che può costare anche il 6-8% in più. 

Oltre al minor costo del denaro, la durata del mutuo liquidità è decisamente maggiore: si può arrivare anche a 20-30 anni, anziché avere un limite massimo di 10 anni. Questo permette di diluire il costo del finanziamento in tempi più lunghi e pagare una rata più leggera.

Con il mutuo liquidità, inoltre, si possono ottenere somme anche molto elevate, mentre il prestito personale arriva a un massimo di 60.000 euro. Anzi: per importi consistenti è solitamente più facile ottenere un mutuo liquidità piuttosto che un prestito, essendo la casa un’ottima garanzia per l’istituto di credito. Mediamente non si potrà però superare la soglia del 60-70% tra importo del mutuo e valore immobiliare.

Considera infine che al di sotto dei 30.000 euro le banche solitamente non concedono il mutuo liquidità. E’ anche vero che questo finanziamento conviene quando si punta a un importo di almeno 40.000 euro, in modo che il tasso di interesse più basso possa compensare alcune spese non presenti nel caso del prestito personale, come per esempio la parcella del notaio e la perizia immobiliare. 

I vantaggi sono dunque molti. Nella scelta va però considerato attentamente il rischio non banale di poter perdere l’abitazione messa a garanzia, in caso di insolvenza. Infine, bisogna tener conto che il mutuo liquidità comporta tempi di erogazione piuttosto lunghi, necessari per le varie verifiche che la banca deve effettuare.


Mutuo per liquidità o prestito personale

non si ha un bisogno urgente di liquidità e se si è disposti a fornire come garanzia la propria casa.In tutti gli altri casi quella del prestito personale potrebbe essere la strada più indicata. 


Chi può richiedere il mutuo per liquidità: requisiti

Il requisito principale per questo tipo di finanziamento è essere proprietari di un immobile su cui non deve gravare alcun tipo di ipoteca.

C’è poi la consueta verifica da parte dell’istituto di credito della stabilità patrimoniale e creditizia del cliente, che non deve avere più di 75 o 80 anni al termine del piano di rimborso e non deve risultare tra i “cattivi pagatori” CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria).

In ogni caso è possibile stipulare un’assicurazione che intervenga a coprire la perdita dell’impiego o l’eventualità di morte del mutuatario, per tutelare i familiari che abitano nella stessa casa.

La finalità del mutuo liquidità
Nella maggioranza dei casi – e praticamente sempre quando gli importi assumono consistenza – la banca ti chiederà di indicare e documentare la finalità del denaro che otterrai con il mutuo.

La specifica destinazione d'uso potrà rendere più o meno facile ottenere il finanziamento.
Ci sono progetti immobiliari che per le loro particolari caratteristiche non possono essere soddisfatti da un finanziamento classico, ma che si possono realizzare grazie a un mutuo liquidità: per esempio, l'acquisto di una nuda proprietà oppure un immobile all'estero, un terreno, un negozio o un laboratorio.

Similmente sono apprezzati gli investimenti che accrescono il valore di immobili già di proprietà, pur non rientrando nelle opportunità finanziabili dai mutui per ristrutturazione, come la realizzazione di aree verdi correlate all'abitazione principale o la costruzione di una piscina in giardino.

Ancora, la liquidità può essere finalizzata all'acquisto di beni di consumo, come arredamento, autovetture, camper o imbarcazioni, a patto che la spesa superi la soglia dei 30.000 euro, cioè l'importo minimo previsto per questo tipo di finanziamento.

Simulazione mutuo liquidità Se stai pensando di percorrere la strada del mutuo liquidità, il primo passo da compiere potrebbe essere quello di effettuare una simulazione online sul sito di Telemutuo, in modo da richiedere un preventivo gratuito e cominciare a valutare quale opzione possa essere per te la migliore.
Potrai procedere direttamente dalla finestra dedicata, ben visibile in home page: seleziona l’opzione “Liquidità” nel campo “Finalità del mutuo”, inserisci gli altri dati richiesti e clicca sul bottone “Calcola”. Effettuata la simulazione, potrai facilmente inviare una richiesta ai consulenti Telemutuo per essere contattato e ricevere informazioni, senza alcun impegno.

Come ottenere il mutuo liquidità
Quando avrai scelto il preventivo che meglio risponde alle tue esigenze, potrai inoltrare la domanda alla banca, preparando tutti i documenti necessari alle successive verifiche, relativi all’abitazione da ipotecare e alla tua situazione economica.

Ricorda che per l’accensione del finanziamento dovrai sostenere alcuni costi accessori: la perizia immobiliare (necessaria per quantificare l’importo erogabile), l’istruttoria, l’atto notarile e l’eventuale assicurazione. Potrai scegliere il tasso di interesse applicato - fisso, variabile o misto - in base all’offerta selezionata e alle tue esigenze personali.
Valuta bene tutte le condizioni del contratto: i consulenti Telemutuo sono a tua disposizione in ogni momento per aiutarti a chiarire i dubbi e fornirti tutta l’assistenza di cui hai bisogno.

F.A.Q. Mutuo liquidità

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del mutuo liquidità?

Rispetto al prestito personale il mutuo liquidità è più vantaggioso perché il tasso d’interesse applicato è inferiore e la durata invece è decisamente superiore. Il costo del finanziamento viene quindi diluito maggiormente nel tempo e l’importo delle rate è inferiore.

Inoltre, il mutuo liquidità permette di chiedere in prestito una somma più elevata e dà anche la possibilità di scegliere la tipologia di tasso d’interesse (fisso,variabile,misto).

Tra gli svantaggi del mutuo liquidità, invece, la necessità di avere una casa di proprietà su cui mettere l’ipoteca a garanzia del finanziamento, i tempi di erogazione più lunghi e la presenza di spese accessorie, non previste nel caso del prestito tradizionale.

Quali requisiti devo avere per chiedere un mutuo liquidità?

Oltre ai requisiti base che le banche richiedono (reddito capiente, nessuna segnalazione in Crif - Centrale Rischi Finanziari, etc.), per avere un mutuo liquidità bisogna essere già proprietari di un’abitazione libera da ipoteca oppure, se sulla casa grava già un mutuo per acquisto o ristrutturazione, la casa deve essere di valore sufficientemente capiente per offrire la garanzia ipotecaria anche al mutuo liquidità.
In generale gli istituti di credito gradiscono maggiormente l’operazione quando la liquidità ha come finalità l’accrescimento del patrimonio immobiliare del richiedente (ad esempio, acquisto di un magazzino oppure di un terreno, etc.), tuttavia ci sono soluzioni anche per coloro che non desiderano dettagliare il motivo della richiesta.

Posso chiedere liquidità se sulla casa ho già un mutuo?

La risposta è affermativa, a due condizioni: bisogna aver pagato sempre puntualmente il mutuo in corso e l’immobile deve offrire una capienza di valore sufficiente, a garanzia di entrambi i mutui. Teoricamente si potrebbe intervenire con il mutuo liquidità in secondo grado di ipoteca, ma nella pratica la banca subentrante preferisce acquisire anche il mutuo esistente, in modo da ritrovarsi in toto in ipoteca di primo grado.

Il mutuo liquidità si può surrogare?

Sì, se l’istituto di destinazione ha in catalogo il prodotto mutuo liquidità (opzione non presente per tutte le banche).

Che spese ha il mutuo liquidità?

Per accendere un mutuo liquidità bisogna le spese di istruttoria e perizia da riconoscere alla banca, il costo di un’assicurazione di incendio/scoppio a copertura dell’immobile dato in garanzia, le tasse previste per questa tipologia di mutuo e, inoltre, la parcella del notaio che stipulerà l’atto.

A quanto ammonta l’imposta sostitutiva?

Per il mutuo liquidità l’aliquota è pari allo 0,25 per cento, secondo quanto stabilito dalla Legge Finanziaria 2008 (articolo 1, comma 160). 


Approfondimenti Utili






Confronta i migliori Mutui