I migliori mutui di oggi

Crédit Agricole - Mutuo Crédit Agricole con garanzia Consap Fisso
Acquisto prima casa 100% Under 36
Rata € 837.92 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.35% - Tan: 3.08%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Mutuo BNL Spensierato
Acquisto prima casa
Rata € 590.29 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.95% - Tan: 3.7%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Mutuo BNL Spensierato
Acquisto seconda casa
Rata € 590.29 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.16% - Tan: 3.7%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso LTV100
Acquisto prima casa 100%
Rata € 944.93 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.76% - Tan: 4.45%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.
Crédit Agricole - Mutuo Base Fisso
Surroga
Rata € 566.18 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.37% - Tan: 3.23%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso
Surroga
Rata € 574.83 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.53% - Tan: 3.4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

CheBanca! - Mutuo Fisso
Surroga
Rata € 597.06 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.95% - Tan: 3.83%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Trasforma mutuo BNL Spensierato
Surroga
Rata € 605.98 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.07% - Tan: 4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.
Banco BPM - Mutuo Casa Tasso Fisso Last Minute Green
Ristrutturazione
Rata € 553.6 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.24% - Tan: 2.98%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Crédit Agricole - Mutuo Base Fisso Over 36
Ristrutturazione
Rata € 563.15 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.42% - Tan: 3.17%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso
Ristrutturazione
Rata € 574.83 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.71% - Tan: 3.4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

CheBanca! - Mutuo Fisso
Ristrutturazione
Rata € 586.66 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.88% - Tan: 3.63%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.



Scia: cosa è e come funziona

Quando si compra casa può essere necessario intervenire sull’immobile acquistato per ristrutturarlo e renderlo più conforme alle necessità di chi ci andrà ad abitare. 

Spesso questi lavori sono consistenti e possono richiedere la cosiddetta SCIA: cos’è la SCIA, come funziona e come presentarla?

Che cos’è la SCIA edilizia

Il termine SCIA è un acronimo che significa Segnalazione Certificata di Inizio Attività e nel campo edilizio va presentata, appunto, per iniziare determinati lavori di ristrutturazione di un immobile. 

Introdotta con la legge 122 del 30 luglio 2010, con la quale ha preso il posto della DIA, Denuncia di Inizio Attività, la SCIA è stata poi regolamentata più nel dettaglio con il Decreto SCIA 2 (D.lgs. 222/2016). 

A che cosa serve la SCIA edilizia

La SCIA edilizia serve per poter compiere su un immobile quei lavori di ristrutturazione non pertinenti all’edilizia libera, alla richiesta di PDC (permesso di costruire) o alla CILA.

In altre parole, serve presentare la SCIA quando si devono compiere interventi che interessano gli elementi strutturali dell’edificio, senza che però si vadano ad apportare modifiche a volumetria, sagoma, superficie e prospetti dello stesso. 

Con la SCIA si possono compiere interventi di restauro e risanamento conservativo, di manutenzione straordinaria e che cambino la destinazione d’uso dell’immobile. 

Per quali lavori serve la SCIA edilizia

Per capire meglio a cosa serve la Segnalazione Certificata di Inizio Attività, facciamo un elenco con esempi concreti di lavori per cui è necessario presentare la SCIA:

  • apertura o chiusura di porte o finestre in un muro portante;
  • costruzione di scale interne o esterne;
  • costruzione o rifacimento di tetti o solai;
  • consolidamento di travi o pilastri portanti;
  • costruzione di balconi o terrazzi;
  • creazione di pozzi.

Come presentare la SCIA edilizia

La SCIA edilizia deve essere presentata al SUE, Sportello Unico per l’Edilizia, in via telematica dal proprietario dell’immobile interessato dai lavori di ristrutturazione. Tuttavia, la SCIA va compilata dal professionista responsabile dei lavori (ingegnere, architetto o geometra) e quindi spesso è lui che si occupa di inoltrare la documentazione al comune. 

In ogni caso, bisogna allegare:

  • i documenti di identità del proprietario dell’immobile e di chi presenta la pratica;
  • il modulo per la SCIA;
  • la relazione tecnica del professionista che illustra i lavori da farsi e ne conferma il rispetto delle normative (in particolare urbanistiche, antisismiche, di sicurezza ed efficienza energetica);
  • documentazione fotografica dell’immobile oggetto di lavori;
  • ricevute di pagamento dei diritti di segreteria;
  • eventuali altri documenti richiesti dal caso specifico.

Quando poi gli interventi per cui si è presentata la SCIA vengono completati, sarà necessario inviare al SUE anche la comunicazione di fine lavori.

Tempistiche della SCIA

Una volta presentata la SCIA, i lavori possono iniziare subito. Tuttavia, il comune di pertinenza ha 30 giorni di tempo per effettuare dei controlli e stabilire che sia tutto in regola. Se invece dovesse riscontrare problemi, può intervenire in due modi: richiedendo al proprietario ulteriore documentazione mancante, oppure fermando i lavori nei casi più gravi. 

La SCIA ha poi validità 3 anni: se in questi 3 anni i lavori per cui è stata presentata non si concludono, sarà necessario presentare un’altra SCIA.

Quanto costa la SCIA

Il costo della SCIA può variare in base agli oneri di segreteria del comune, ma, soprattutto, al compenso da corrispondere al professionista che se ne occupa, che è la parte maggiore della spesa. In ogni caso, la cifra necessaria potrebbe andare dai 500 ai 1500 euro.

SCIA in sanatoria

La SCIA è obbligatoria per poter svolgere determinati lavori di ristrutturazione, e se non la si presenta si incorre in sanzioni. Nel caso in cui si presenti la SCIA a lavori già iniziati, cioè a lavori ancora in corso, si parla di SCIA tardiva e la sanzione prevista è di 516 euro.

Se invece la si presenta a lavori già finiti, si parla di SCIA in sanatoria, che prevede una sanzione da 516 a 5.164 euro, in base alle indicazioni del comune interessato. 

In entrambi i casi, tuttavia, i lavori svolti o in fase di svolgimento devono comunque essere conformi a quelli per cui è prevista la SCIA, oltre a rispettare le normative edilizie vigenti sia al momento dello svolgimento dei lavori sia al momento della presentazione della SCIA. 

Differenza tra SCIA e CILA

I termini SCIA e CILA vengono a volte confusi o usati come sinonimi, ma, anche se riguardano entrambi lavori di ristrutturazione di un immobile, c’è differenza tra SCIA e CILA. 

Come abbiamo visto fin qui, infatti, la SCIA riguarda interventi alle parti strutturali di un edificio, che possono anche cambiare la sua destinazione d’uso. 

La CILA invece, che è l’acronimo di Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, va presentata per interventi che non modificano la struttura e/o la destinazione d’uso dell’immobile. 

Confronta i migliori mutui







.