I migliori mutui di oggi

Crédit Agricole - Mutuo Crédit Agricole con garanzia Consap Fisso
Acquisto prima casa 100% Under 36
Rata € 837.92 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.35% - Tan: 3.08%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Mutuo BNL Spensierato
Acquisto prima casa
Rata € 590.29 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.95% - Tan: 3.7%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Mutuo BNL Spensierato
Acquisto seconda casa
Rata € 590.29 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.16% - Tan: 3.7%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso LTV100
Acquisto prima casa 100%
Rata € 944.93 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.76% - Tan: 4.45%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.
Crédit Agricole - Mutuo Base Fisso
Surroga
Rata € 566.18 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.37% - Tan: 3.23%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso
Surroga
Rata € 574.83 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.53% - Tan: 3.4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

CheBanca! - Mutuo Fisso
Surroga
Rata € 597.06 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.95% - Tan: 3.83%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Trasforma mutuo BNL Spensierato
Surroga
Rata € 605.98 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.07% - Tan: 4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.
Banco BPM - Mutuo Casa Tasso Fisso Last Minute Green
Ristrutturazione
Rata € 553.6 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.24% - Tan: 2.98%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Crédit Agricole - Mutuo Base Fisso Over 36
Ristrutturazione
Rata € 563.15 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.42% - Tan: 3.17%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso
Ristrutturazione
Rata € 574.83 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.71% - Tan: 3.4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

CheBanca! - Mutuo Fisso
Ristrutturazione
Rata € 586.66 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.88% - Tan: 3.63%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.



Come migliorare la classe energetica dell'immobile

Quando si compra una casa, è importante fare attenzione alle sue prestazioni energetiche, ovvero alla sua efficienza in termini di consumi, che influisce anche sul valore dell’immobile. 

Si può decidere di acquistare un edificio di nuova costruzione, che abbia già una classe energetica elevata e che garantisca quindi consumi ridotti, approfittando magari di un mutuo green, oppure si può scegliere un’abitazione con una classe energetica inferiore, pensando poi di migliorarla attraverso specifici interventi, che ora esporremo. Prima, però, vediamo che cos’è la classe energetica e come si calcola.

Classe energetica ed APE

Le classi di consumo energetico europee, o classi di efficienza energetica, sono state create per suddividere in fasce le prestazioni energetiche degli edifici, basandosi su parametri funzionali e strutturali che influiscono sui consumi di energia elettrica e gas e, di conseguenza, sul relativo impatto ambientale.

Sono entrate nella normativa italiana nel 2005 con il D.Lgs. 192/05, poi completato dal DM 162/15. Le classi energetiche vengono indicate con le lettere dell’alfabeto, a cui in alcuni casi si aggiungono i numeri, secondo una scala che va da A4, che indica il livello di efficienza più elevato, a G, a cui corrisponde il livello più basso.

Certificare la classe energetica è obbligatorio se si vuole vendere un immobile oppure metterlo in affitto: per questo esiste un documento specifico, l’APE (Attestazione di Prestazione Energetica), che viene rilasciato da un tecnico abilitato, il certificato energetico, dopo un sopralluogo all’immobile. 

Come aumentare la classe energetica di una casa?

Lo scopo dello Stato, anche attraverso una serie di agevolazioni fiscali, è quello di spronare i cittadini e le aziende a migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, attraverso una serie di miglioramenti che possono ridurre l’impatto ambientale, ma che vanno anche a favore del proprietario dell’immobile.

Il miglioramento della classe energetica, infatti, riduce i consumi, quindi favorisce il risparmio sulle bollette, aumenta il comfort e fa salire il valore economico della casa. 

Vediamo quali sono i principali interventi per il miglioramento della classe energetica sia di un appartamento sia di un condominio o di un edificio in generale.

Isolamento termico

Uno degli interventi più importanti riguarda l’isolamento termica dell’immobile: aumentandolo si possono diminuire le dispersioni energetiche verso l’esterno, quindi l’energia necessaria a climatizzare gli ambienti. 

Come fare? Si può procedere alla coibentazione dell’involucro esterno, attraverso il cappotto termico, e delle strutture interne come pareti, coperture e infissi.

In questo modo si eliminano i ponti termici, ovvero quelle zone in cui si manifesta una discontinuità nel flusso di calore, migliorando notevolmente le prestazioni. 

Importante è anche l’isolamento termico del tetto, per limitare le dispersioni di calore in inverno e il surriscaldamento d’estate. Il rischio di questi interventi, eventualmente, è quello di iper-isolamento: la casa diventa impermeabile all’umidità, che si accumula negli ambienti e favorisce la formazione di muffe.

Per evitarlo ed ottimizzare il comfort termico la soluzione ideale è un sistema di VMC (ventilazione meccanica controllata) con recuperatore di calore, anche negli appartamenti più piccoli, che permette di avere in casa un'aria salubre, sana ed ossigenata, risparmiando sui costi di riscaldamento,che sono maggiori se bisogna ventilare la casa aprendo le finestre.

Nuovi serramenti 

Installare infissi innovativi, come quelli a doppio o triplo vetro, fa aumentare la classe energetica della casa, grazie a un risparmio energetico che parte dai 27 kWh al metro quadro.

Impianti più performanti

Buona parte dei consumi energetici deriva dagli impianti per la climatizzazione, sia invernale che estiva, e per la produzione di acqua calda: per ridurli si può sostituire la vecchia caldaia con una di nuova generazione, per esempio a condensazione o a biomassa (pellet), oppure con una pompa di calore geotermica o, ancora, con un impianto a solare termico per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. 

Importante è anche scegliere un sistema di riscaldamento a pannelli radianti, soprattutto a pavimento, ma anche a parete o a soffitto, che permette una distribuzione della temperatura più omogenea e funziona a temperature inferiori rispetto ai radiatori tradizionali.

Domotica residenziale

Infine, i consumi energetici si possono ottimizzare anche gestendo al meglio gli impianti e gli elettrodomestici della casa grazie a sistemi di controllo, regolabili in modo totalmente automatico, anche da remoto.

Quanto costa migliorare classe energetica 

Dopo aver visto cosa fare per aumentare la classe energetica, sicuramente ci si chiede quanto può costare realizzare gli interventi per migliorare la classe energetica, tutti o in parte. 

Come abbiamo anticipato, però, esistono importanti agevolazioni fiscali per il risparmio energetico, in particolare l’Ecobonus per le ristrutturazioni edilizie (aliquote del 50%, 65%, 70%, 75%, 80% e 85%).

Esiste poi il Bonus Facciate (aliquota di detrazione pari al 90% delle spese sostenute nel 2020 e nel 2021; 60% per le spese del 2022) per gli interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino il rifacimento dell’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell'edificio di cui. 

Infine, se si possiedono determinati requisiti, si può usufruire del Superbonus 110% per la realizzazione di specifici interventi di efficienza energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Confronta i migliori mutui







.