Mutuo valuta estera: cosa è e come funziona | Telemutuo.it

Mutuo in valuta estera: cos’è e come funziona 

Tra le varie opzioni di finanziamento offerte dalle banche ci sono i mutui in valuta estera: che cosa sono e come funzionano esattamente? 

Quando conviene richiederli e a chi? Approfondiamo insieme l’argomento, ricordando che i consulenti Telemutuo sono sempre a disposizione gratuitamente per fornire ulteriori informazioni. 

Cosa sono e come funzionano i mutui in valuta straniera

I mutui in valuta straniera sono un particolare tipo di finanziamento le cui somme sono espresse in una valuta diversa dall’euro. Il loro funzionamento è molto simile a quello dei contratti di finanziamento in valuta corrente. 

I mutui in valuta estera possono essere richiesti alle banche italiane, se si intende utilizzare monete forti e diffuse, come ad esempio il dollaro o la sterlina. Se invece si ha intenzione di usare valute meno comuni, è bene rivolgersi ad istituti di credito esteri. 

Mutuo in valuta estera: vantaggi e svantaggi

Perché scegliere di richiedere un mutuo in valuta estera? Il vantaggio principale può essere la convenienza nominale: tali mutui possono infatti offrire tassi di interesse più convenientirispetto a quelli in euro, o anche tassi di cambio particolarmente favorevoli. 

Per quanto riguarda gli svantaggi, invece, bisogna tenere a mente che questi finanziamenti vanno rimborsati sempre con la valuta prescelta. Per questo, al fine di evitare brutte sorprese, è sempre bene scegliere una moneta forte, che non sia troppo soggetta ad oscillazioni di mercato.

Va inoltre considerato che possono esserci ulteriori costi alle scadenze delle rate: se non si ha la valuta prescelta a disposizione, si sarà costretti a pagare i costi di cambio. 

A questo proposito, considerati i rischi intrinsechi di un mutuo in valuta estera, la banca che lo emette ha il dovere di informare al meglio il cliente: l’istituto di credito non solo deve avvisare il consumatore del rischio del cambio valuta, ma deve anche fornirgli informazioni sufficienti, che gli consentano di comprendere esattamente il meccanismo finanziario e di valutare adeguatamente le possibili conseguenze economiche. 

Conversione della valuta del mutuo

Il cliente titolare di un mutuo in valuta estera ha il diritto di convertire la valuta di denominazione del proprio finanziamento in due monete:

  1. La moneta delle entrate o del capitale che verrà usato per rimborsare il mutuo;
  2. La moneta che ha corso legale nello Stato dell’Unione Europea in cui il cliente è residente. 

Quale tasso di cambio viene utilizzato in queste operazioni di conversione? Secondo quanto stabilito dalla legge, il tasso è pari a quello indicato dalla Banca Centrale Europeail giorno in cui viene presentata la domanda di conversione. 

Quando e a chi conviene il mutuo in valuta straniera

Il mutuo in valuta estera è un’opzione molto usata dai lavoratori frontalieri, che operano in paesi confinanti con la zona euro e percepiscono redditi in valuta estera. Per questa categoria il rischio e le spese relative al cambio valuta sono praticamente nulli. 

Più in generale, i mutui in valuta estera possono essere convenienti per chi vuole godere di un beneficio economico in termini di tasso d’interesse, ma è bene valutare bene le proprie entrate.

È consigliabile avere infatti avere un reddito molto elevato, con il quale coprire eventuali aumenti delle rate legati alle oscillazioni di mercato.Infine, i mutui in valuta estera sono un ottimo strumento per investitori esperti nel trading di valute.





Confronta i migliori Mutui