I migliori mutui di oggi

Crédit Agricole - Mutuo Crédit Agricole con garanzia Consap Fisso
Acquisto prima casa 100% Under 36
Rata € 837.92 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.35% - Tan: 3.08%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Mutuo BNL Spensierato
Acquisto prima casa
Rata € 590.29 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.95% - Tan: 3.7%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Mutuo BNL Spensierato
Acquisto seconda casa
Rata € 590.29 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.16% - Tan: 3.7%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso LTV100
Acquisto prima casa 100%
Rata € 944.93 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.76% - Tan: 4.45%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.
Crédit Agricole - Mutuo Base Fisso
Surroga
Rata € 566.18 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.37% - Tan: 3.23%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso
Surroga
Rata € 574.83 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.53% - Tan: 3.4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

CheBanca! - Mutuo Fisso
Surroga
Rata € 597.06 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.95% - Tan: 3.83%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

BNL - Trasforma mutuo BNL Spensierato
Surroga
Rata € 605.98 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 4.07% - Tan: 4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.
Banco BPM - Mutuo Casa Tasso Fisso Last Minute Green
Ristrutturazione
Rata € 553.6 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.24% - Tan: 2.98%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Crédit Agricole - Mutuo Base Fisso Over 36
Ristrutturazione
Rata € 563.15 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.42% - Tan: 3.17%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Intesa Sanpaolo - Mutuo domus fisso
Ristrutturazione
Rata € 574.83 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.71% - Tan: 3.4%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

CheBanca! - Mutuo Fisso
Ristrutturazione
Rata € 586.66 al mese x 20 anni
Tasso: fisso - Taeg: 3.88% - Tan: 3.63%


Vedi di Più | Richiedi Informazioni

Vedi tutti i Mutui:
Rilevazione effettuata in data odierna. Leggere attentamente il documento "Informazioni Generali sul Credito Immobiliare" presente all'interno di ogni singola proposta, il "Prospetto Informativo Europeo Standardizzato (PIES)" fornito dalla banca erogante prima della stipula, per approfondire condizioni e dettagli definitivi del singolo mutuo, nonché il Foglio Informativo di TeleMutuo presente nell'area trasparenza di questo sito. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Ogni decisione in merito alla concessione del mutuo e alle relative condizioni economiche finali è demandata alla banca erogante.



Imposta di Bollo nel mutuo: ecco cosa sapere

Se intendi richiedere un mutuo per acquistare casa, può essere utile conoscere l’ammontare delle tasse e delle imposte legate a questo tipo di finanziamento. 

Per esempio, l'imposta di bollo: che cos’è e a quanto ammonta? Esiste un’alternativa per ridurre le tasse sul mutuo? 

Rispondiamo nel dettaglio a queste domande, ma prima vediamo che cos'è e dove si applica l’imposta di bollo.

Che cos’è l’imposta di bollo

L'imposta di bollo è un tributo dovuto dal cittadino allo stato, non collegato direttamente ad una prestazione derivante da quest’ultimo. Presuppone l'esistenza di un atto, documento o registro redatto per iscritto.

L’imposta di bollo è:

  • indiretta, in quanto non colpisce direttamente la ricchezza del contribuente e si applica al trasferimento o consumo di un bene o servizio;
  • fissa o proporzionale, quindi indicata come quota fissa oppure in percentuale.

In caso di documenti e registri soggetti all'imposta di bollo, il pagamento della stessa è dovuto al momento dell’atto.

Applicazione imposta di bollo

L’imposta di bollo è dovuta per la seguente tipologia di atti o documenti:

  • fatture esenti da IVA e ricevute senza IVA, se superiori ad € 77,47;
  • domande di concessione o registrazione di titoli di proprietà industriale e di brevetti;
  • domande presentate al Registro delle Imprese;
  • istanze, memorie, ricorsi;
  • estratti conto bancari;
  • libri contabili che richiedono la vidimazione;
  • atti di mutuo e copie di atti quali certificati rilasciati dalla Pubblica Amministrazione.

Pagamento imposta di bollo

Con l’introduzione del digitale, il versamento dell’imposta di bollo è diventato più semplice e agevole. Il pagamento può avvenire nelle seguenti modalità:

  • marca da bollo, reperibile presso rivenditori autorizzati dall’Agenzia delle Entrate;
  • all’interno dell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando il modello F24 o tramite addebito su conto corrente;
  • in modo virtuale su documenti digitali rilevanti ai fini tributari (es. fatture attive e passive);
  • servizio @e.bollo che consente l’acquisto di marca da bollo digitale per istanze e documenti trasmessi telematicamente alla Pubblica Amministrazione.

Esenzione imposta di bollo

Come visto in precedenza, il pagamento degli oneri di bollo riguarda richieste, produzione e presentazione di atti giuridici di diversa natura. 

Sono invece esenti dall'imposta di bollo altre tipologie di documenti, come gli atti amministrativi dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei Comuni, e gli estratti conto bancari il cui saldo medio annuo è inferiore a € 5.000,00.

Imposta di bollo acquisto casa

A proposito dell’imposta di bollo, vanno anche considerati i contratti di compravendita degli immobili. Innanzitutto, se si registra il contratto preliminare, o compromesso, va pagata un’imposta di bollo nella misura di 16 euro ogni 4 facciate o 100 righe di testo. L’imposta di bollo è invece di 155 euro se in caso di redazione da parte del notaio.

Per quanto riguarda invece l’atto di compravendita vero e proprio, invece, se si acquista un’abitazione assoggettata all’imposta di registro proporzionale (acquisto da un privato o da un’impresa non soggetta ad Iva) è prevista l’esenzione dall’imposta di bollo. In caso contrario va pagata un’imposta di bollo da 230 euro.

Imposta di bollo sul mutuo

La situazione cambia nel momento in cui si decide di richiedere un mutuo e si devono considerare alcune spese per l’attivazione. Come abbiamo già visto

, in caso di accensione di un mutuo sono previste alcune spese quali imposta di registro, ipotecaria, catastale e tassa governativa. 

Insieme agli oneri sopra indicati, per l’acquisto di un’abitazione con mutuo, è prevista anche l’imposta di bollo. In sostituzione al pagamento di queste imposte, anche per facilitare la riduzione dei costi, il decreto legge 168 del 2004 ha introdotto l’imposta sostitutiva fissando due aliquote:

  • 0,25% per i mutui concessi per acquisto, costruzione o ristrutturazione di prima casa;
  • 2% sui finanziamenti acquisto o ristrutturazione per seconda casa.

Spetta poi alla banca, o all’istituto che ha concesso il credito, occuparsi del versamento dell’imposta sostitutiva all’Agenzia delle Entrate per conto del contribuente e quest’ultima verrà detratta direttamente dall’importo del mutuo erogato.

Questo tipo di agevolazione si applica ai finanziamenti di durata uguale o superiore a 18 mesi, è un’imposta unica e non dovrai quindi preoccuparti di quante tasse dovrai saldare per ottenere il tuo mutuo. 

Link Utili

Confronta i migliori mutui







.